banner

Notizia

May 10, 2023

Cos'è il Coachella?

Ora la polvere si è calmata... David McGraw riflette sul primo fine settimana del Coachella Valley Music & Arts Festival 2023: un colosso commerciale che è diventato un'istituzione preminente dell'industria musicale

La domenica sera del primo fine settimana di Coachella, proprio come ogni altra notte di quel fine settimana, i venti da sud-est soffiavano dall'Oceano Pacifico sulla terra. Colossali colonne di vento hanno sollevato la polvere dal terreno e l'hanno portata nell'aria, sopra le bottiglie d'acqua in alluminio riutilizzabili frantumate e i resti del materiale smantellato del festival del 2023: è come se il Mojave cercasse continuamente di riportare questa terra nella polvere e nella sabbia, finché non consumerà l’oasi finemente sintonizzata e ben irrigata di Indio, in California, che un giorno diventerà di nuovo deserto. La denigrata esibizione domenicale di Frank Ocean del Weekend 1 vivrà su YouTube per un po', però, finché tutti i video dei cellulari non verranno rimossi, o forse finché i data center che li ospitano non verranno inghiottiti dal sole.

Il Coachella Valley Music & Arts Festival esiste ormai da quasi 25 anni, ma sin dal suo inizio ha subito sostanziali cambiamenti concettuali, contrassegnati da diverse esibizioni cruciali: in primo luogo, nel 2006, con la piramide dei Daft Punk che ha portato uno spostamento verso lo spettacolo nella musica dance, e ancora all'inizio degli anni 2010, all'epoca della famigerata performance dell'ologramma di Tupac Shakur, divenne il volto di un nuovo ceppo di cultura festivaliera ad alto valore produttivo che segnò il resto del decennio. L'ormai leggendaria performance pirotecnica e coreografica di Beyoncé del 2018 ha stabilito un nuovo standard per gli spettacoli da headliner, che, in una certa misura, i recenti artisti della Top 40 hanno tentato di emulare in termini di energia e stravaganza. Nelle notti 1 e 2, Bad Bunny e BLACKPINK quest'anno hanno offerto spettacoli massimalisti sul palco principale, mentre Metro Boomin ha portato un gruppo altrettanto massimalista di star dell'hip hop nella tenda del Sahara, accompagnati da una legione di strumentisti di ottoni e ballerini, oltre a come, ovviamente, uno spettacolo pirotecnico ed enormi immagini a LED.

Attraverso questi momenti di intenso spettacolo, Coachella è ormai diventata un'istituzione invincibile dei media americani e globali della musica e della moda, esistente fisicamente nella Coachella Valley durante la sua corsa annuale di due fine settimana, ma più in generale come archetipo della cultura dei festival americani, e in particolare la sua commercializzazione totale e la simbiosi con varie società come Adidas e Heineken.

Leggi questo di seguito: Come Instagram sta cambiando il design di club e festival

C'è un pubblico del Coachella nel deserto della California meridionale durante il festival vero e proprio, sì, ma tutti coloro che assistono a videoclip su smartphone, streaming su YouTube e leggono articoli di riflessione, durante il fine settimana e nei giorni successivi costituiscono tanto pubblico per questo festival quanto gli scommettitori che pagano cifre esorbitanti per dividere un Airbnb con i loro amici o accamparsi sul posto. Così come lo sono la miriade di influencer e volti dell'industria musicale che infestano i locali. Con la corsa agli armamenti dei social media dell'ultimo decennio e l'onnipresente proliferazione di telecamere di cellulari che alimentano direttamente queste reti, ogni centimetro di Coachella è un palcoscenico (anche se assomiglia più alla più lussuosa fiera statale americana esistente, con grandi opere d'arte interattive tra cui un famosa torre color arcobaleno di Instagram, circondata da tendoni musicali e da una gigantesca ruota panoramica), e probabilmente tutti coloro che partecipano, indipendentemente dal fatto che abbiano o meno uno spazio per lo spettacolo in programma, si vestono per esibirsi per i social media - è come se ogni momento trascorso sul campo viene trasmesso in live streaming sui social network, tutti i presenti svolgono il ruolo di comparse nella storia di Coachella di qualcun altro.

L'improbabile crescita del festival, dal connubio tra promozione punk e rave all'interno dell'Empire Polo Club alla fine degli anni '90, fino alla gigantesca istituzione mediatica che è oggi, ha visto il festival allontanarsi sempre di più dalla concezione del 20° secolo. di ciò che costituisce un festival musicale, diventando invece l’esempio predominante nell’industria musicale di commercializzazione nello spazio del festival, particolarmente evidente in quanto profondamente il festival ha corteggiato (ed è ora intrinsecamente associato a) la fiorente industria dell’influencer marketing. Detto questo, dopo un intero fine settimana trascorso nell'imbuto onnicomprensivo di endorfine del Coachella, con tutte le sinapsi logore e i soldi spesi, è straordinariamente chiaro che, sotto sotto, l'intera operazione sarebbe crollata senza il coerente e accorto ingaggio di dozzine di artisti da parte di Goldenvoice. le vette delle loro capacità creative e delle loro carriere come artisti, e il festival offre a questi artisti una varietà di palcoscenici unici con personalità diverse, dove hanno costantemente offerto spettacoli irripetibili a chiunque capiti di assisterli. Il pubblico, dopo aver speso straordinarie somme di denaro per venire al festival, si aspetta niente di meno che la perfezione.

CONDIVIDERE